La mattina del mio appuntamento con Justin, ovviamente mi sono svegliato con un enorme brufolo smack dab nel mezzo della mia fronte.

“Non vedo come un unicorno!” Ho lamentava di Nina dopo i miei tentativi di coprire con il correttore solo fatto di look più pronunciato.

Nina ha studiato mia fronte intensamente. “Sono sicuro che il ristorante sarà scarsamente illuminata.”

“Volevo solo sentire sexy stasera.” Ho detto, forlornly.

“Che fai! Si guarda grande. Se si dovesse andare in un giorno sarei più preoccupato per te. Ma si sta sicuramente andando un po ‘romantico po’ di italiano luogo nel West Village illuminato con niente ma le candele.” Lei sorrise. “E la passione ardente in i fianchi.”

Un’ora più tardi, mentre ero seduto sotto le lampade a fluorescenza, in Nona, di una luminosa caffetteria a Little Italy, ho furbescamente annullato un pulsante in più su la mia camicia di seta. Se tutto ciò che può distrarre da un humdinger di un brufolo, scissione potrebbe.

“Spaghetti e polpette sono fantastiche,” Justin mi ha detto come ho sfogliato il ricco pasta lista.

“Per me funziona.” Ho impostato il menu a parte, e gli sorrise.

La cameriera arrivò con il nostro caraffa di cabina e preso il nostro ordine.

Justin prese un sorso del suo vino. “Com’è andata la vostra settimana?”

“Uh,” ho messo in pausa. “Movimentato sarebbe il modo migliore per descriverlo.”

“Ricca di eventi può essere buono.”

“A volte”. Ho preso un sorso di vino.

“Mi dispiace se l’evento era a disagio per la scorsa settimana,” disse Giustino. “Ha detto elisabetta si era scusato con lei e che due di loro erano civili, non penso sarebbe un grande affare per invitare tutti e due.”

“Beh, non sarebbe stato se, sai…”

“Oh, lo so,” disse Giustino.

Il vino che mi aveva colpito e mi è stato di buon umore. “Sai una cosa? Andiamo, per favore, per favore, non parlare di Elizabeth stasera.”

“Io sono d’accordo,” disse Giustino.

Così abbiamo parlato del nostro lavoro, i nostri amici e i flessori dell’anca (la mia è stata realmente preoccuparsi di me ultimamente!). Per il momento il disegno di legge è arrivato, ero così non si è pronti a chiamare una notte. Ma abbiamo avuto pratica la mattina presto, e sapevo che avrei rimpianto se abbiamo avuto un altro drink.

“Direi che andiamo a prendere un altro drink da qualche parte, ma…”

“Lo so,” disse Giustino. “Non vale la pena di domani. Che cosa succede se abbiamo appena…a piedi?”

“Va bene,” dissi. “Dove?”

“Oltre il Ponte di Brooklyn, forse?”

Se Ashley o Nina ha suggerito questo, avrei chiuso così difficile. Ma l’idea di fare una passeggiata lungo il ponte con Justin sembrava la cosa più romantica che mai.

Abbiamo saltato un taxi giù di Chambers street, e uscito solo un paio di isolati a ovest del ponte. Era una mite notte, soprattutto per il mese di dicembre, ma, anche così, ho sentito la mia temperatura sparare qualche punto in più gradi, quando Justin ha preso la mia mano nella sua.

Il ponte era praticamente deserta, pochi turisti e casuale jogging. Come siamo saliti fino alla Manhattan, il rumore del traffico, sotto di noi, gradualmente cessato.

“Questo è molto più piacevole che l’ultima volta che siamo stati qui,” ho detto a Justin, ricordando quanto sia doloroso che eseguire.

“Sicuramente”, ha detto, poi strinse la mano.

Quando abbiamo raggiunto la cima del ponte, Justin mi ha tirato verso il lato sud, tutta la strada fino al bordo. Mi sentivo molto più sexy in scarsa illuminazione, pronto per tutto ciò che stavamo per fare, quando Justin è caduta la mia mano e issato se stesso sul bordo del ponte.

“Che cosa stai facendo?” Ho chiesto, i miei palmi immediatamente intenzione sudato. Egli era seduto sul bordo del ponte, in modo casuale, come il bancone della cucina o qualcosa del genere.

“Vieni qui”, disse, sorridendo.

“Mi stai facendo davvero nervoso,” ho detto. “Si può, um, non stare lì?”

Justin guardò oltre la sua spalla. “Va bene. Venire qui.” Accarezzò il posto sul davanzale accanto a lui.

Ho scosso la testa con forza, e Justin saltò giù dal davanzale—grazie a dio—e rise. Lui allungò la mano e mi tirò contro di lui. “Non preoccuparti così tanto,” sussurrò, poi piegò la testa in giù e mi baciò.

Il mio ginocchio è andato morbido, e mi chinai verso di lui. I nostri corpi premuti saldamente insieme e Justin agganciato le sue mani intorno alla mia vita, che mi teneva contro di lui. L’ansia, mi sarei sentita istanti prima della scomparsa.

Io amo, amore, baciare alto ragazzi. Mi fanno sentire come un piccolo fiore delicato. E Justin era davvero un buon baciatore.

“Prendi una stanza!”

Justin e ho fatto un salto indietro dagli altri come un gruppo di adolescenti frullato sulle loro biciclette e skateboard, prendendo in giro noi.

“Scendere il mio prato!” I falsi-hollered a loro.

“Va bene, Clint Eastwood,” Justin si mise a ridere. Ha preso la mia mano e abbiamo fatto il nostro modo giù per il ponte. Una volta che siamo stati a livello della strada, Justin salutato me un taxi.

“Ci vediamo domani”. Ha detto, come ha nascosto dentro di me. Volevo baciarlo di nuovo, ma c’era un auto clacson dietro di noi, così gli ho dato un po ‘ di onda, invece.

Gahhhh. Come questo. Un po ‘ stranito da quella scena sul ponte, ma più che altro, direi che è stata praticamente la data perfetta. Pensieri?

Lascia un commento